NUOVE DISPOSIZIONI COVID
NUOVE DISPOSIZIONI COVID

DA LUNEDI VENETO IN ZONA ROSSA

 

Ecco tutto quello che c'è da sapere:

 

"Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi e del Ministro della salute Roberto Speranza, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla diffusione del COVID-19. In considerazione della maggiore diffusività del virus e delle sue varianti e in vista delle festività pasquali, al fine di limitare ulteriormente le possibili occasioni di contagio, il provvedimento stabilisce misure di maggiore intensità rispetto a quelle già in vigore, per il periodo compreso tra il 15 marzo e il 6 aprile 2021".

 

REGIONE VENETO - ZONA ROSSA DAL 15.03.2021.

In sintesi:
 

  •     Vietato ogni spostamento con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un Comune diverso da quello di domicilio, residenza o abitazione, salvo i casi di comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, ovvero per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale comune;
  •     Autocertificazione per gli spostamenti delle persone all'interno del proprio Comune: è vietato qualsiasi spostamento non giustificato all'interno del proprio comune, eccetto i casi legati a esigenze di lavoro, salute, ovvero necessità;
  •     Divieto ️di spostamenti extraregionali, salvo quelli legati a comprovate esigenze di lavoro, salute o necessità, utilizzando il modulo autocertificazione;
  •     Restano aperte le attività lavorative e produttive (industrie, artigianato, servizi, cantieri edili);
  •     Chiusura di bar e ristoranti. È prevista la possibilità di vendita tramite asporto dalle ore 05,00 alle ore 22,00 (sino alle ore 18.00 per gli esercizi aventi codici Ateco 56.30.00 e 47.25.00) senza limiti per la vendita tramite consegna a domicilio, anche fuori comune;
  •     Si fermano i servizi non essenziali; sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per supermercati e tutti i negozi di alimentari (anche per animali), edicole, tabaccai, farmacie, parafarmacie, profumerie, cartolerie, ferramenta, lavanderie. Si fa riferimento agli elenchi contenuti negli allegati 23 e 24 del DPCM 02.03.2021;
  •     Chiusura dei servizi alla persona, quali barbieri, parrucchiere, estetisti;
  •     Chiusura totale anche per mostre, esposizioni, spettacoli a teatro, cinema, sale da ballo;

 
Ricordiamo poi che a livello generale vige:
 

  •     Coprifuoco in tutta Italia dalle ore 22.00 alle ore 5.00;
  •     Obbligo di mascherina all'aperto, qualora ci si trovi in un luogo non isolato e in presenza di persone, nei locali pubblici al chiuso, sui mezzi pubblici e in macchina con non conviventi. Sono esenti minori di 6 anni, e persone incompatibili per il proprio stato di salute (ma dovranno osservare comunque il distanziamento), chi pratica attività sportiva (corsa o jogging), ma non per chi pratica attività motoria;

 
Rientro presso la propria abitazione sempre consentito.
 
 
Infine abbiamo la deroga:
 

  •     Possibilità di uscire dai comuni sotto i 5 mila abitanti, entro un raggio di 30 chilometri (non per andare nei Comuni capoluogo);
  •     Sanzioni: variano da Euro 400 a Euro 1000, con riduzioni per il pagamento entro i primi 5 giorni.